Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sezioni
Home News Nuove regole per la modifica dei cfu degli insegnamenti offerti dal Dipartimento

Nuove regole per la modifica dei cfu degli insegnamenti offerti dal Dipartimento

Nuove regole per la modifica dei cfu degli insegnamenti offerti dal Dipartimento

Nuove regole per la modifica dei cfu degli insegnamenti offerti dal Dipartimento

Si comunica che a partire dal 4 luglio 2019, non è più possibile richiedere ai docenti un aumento dei cfu delle discipline. Nello specifico lo studente non può più chiedere di sostenere l'esame di una materia con un numero superiore di cfu a quello con cui la materia è offerta in tutti i Corsi di studio del Dipartimento.
Esempio: Filosofia dell'abitare (presente nel piano di studio della Classe L-5 con 6 cfu) non può essere sostenuto con 9, 12 cfu, ecc.
Nel caso in cui invece una materia sia presente nell’offerta del Dipartimento con un numero di cfu differenti (per esempio un insegnamento che in punti diversi dello stesso piano di studio o in piani di studio diversi dei CdS del Dipartimento è offerto con 6, 9, 12 cfu, ecc.), lo studente, che ne abbia necessità per coprire l'attività a scelta libera, per acquisire cfu extracurriculari per l'insegnamento, o per l'accesso a una magistrale a cui non può accedere direttamente dal suo Corso di laurea triennale, può sostenere l’esame per il numero di cfu offerti (o 6, o 9, o 12 cfu, ecc.).
Esempio: Storia dell’architettura antica (presente nel piano di studio della Classe LM-84 con 6 e 9 cfu) può essere sostenuto sia con 6 che con 9 cfu per le esigenze indicate sopra.
Per la modifica dei cfu della materia presente nel proprio piano carriera o libretto online, quando necessaria, lo studente si può rivolgere direttamente alla segreteria studenti.
Lo studente, per particolari esigenze, può invece richiedere di sostenere gli esami di tutti gli insegnamenti offerti dai CdS del Dipartimento per un numero inferiore di cfu. Dovrà in questo caso fare apposita richiesta al docente (inviando una e-mail), che dovrà autorizzarlo.